fbpx

 

Oggi ti propongo una piccola guida dedicata al tedesco. Può sembrare una lingua cupa, dai suoni aspri e duri, ma vedrai che con l’approccio giusto potrai innamorarti. Non lasciarti spaventare dalla grammatica, è tutta logica e simile all’inglese. 

 

Ecco 10 fatti curiosi sul tedesco che dovresti conoscere prima di immergerti nello studio.
  • Dov’è parlato?
    Il tedesco è una delle lingue più parlate nell’Unione europea ed è la lingua ufficiale di Germania, Austria e Liechtenstein. Inoltre, è una delle lingue ufficiali di Svizzera e Lussemburgo. Esistono altre comunità tedesche sparse in Europa, come la provincia di Bolzano (Bozen) nel Nord Italia e la parte orientale del Belgio, così altre comunità nell’Europa dell’Est, America del Nord e Sud America.
  • Che cosa sai in tedesco?
    Potresti aver provato la Schadenfreude, una gioia scaturita dalla sfortuna altrui. Sicuramente sarai andato al Kindergarten da bambino. Magari hai incontrato la parola Zeitgeist, lo “spirito dei tempi” o aver provato un po’ di Angst da adolescente. Come avrai notato, è tutto tedesco. Se conosci l’inglese, ti accorgerai che è ricco di parole di origine tedesca, e allo stesso modo, il tedesco accoglie a braccia aperte l’inglese. C’è addirittura una parola che descrive questo bizzarro fenomeno: Denglish (D per Deustsch, tedesco).
  • È difficile impararlo?
    Il tedesco è considerata una lingua difficile da studiare. Con i suoi suoni lunghi e avvolgenti, quattro casi, tre generi grammaticali e una pronuncia che fa fare un po’ di stretching a ogni muscolo della bocca. D’altra parte, se conosci l’inglese, potrai notare che sono correlati. Noterai diverse somiglianze che ti permetteranno di imparare il tedesco più facilmente. Le parole composte sono divertenti da imparare e la grammatica è piuttosto logica. Fai solo attenzione alle eccezioni. Il tedesco è una lingua molto descrittiva. I nomi spesso combinano l’oggetto con l’attività. Per esempio: 
    der Staubsauger – l’aspirapolvere, è formato dal nome Staub, polvere e dal verbo saugen, aspirare.
  • I suoni e gli scioglilingua  più difficili.
    Le parole tedesche possono essere incredibilmente lunghe. Prendila come una sfida e leggi la parola lentamente e ad alta voce. Quante parole riesci a riconoscere nei seguenti nomi composti? A causa della crisi, il governo tedesco ha emanato il Wachstumsbeschleunigungsgesetz, atto di accelerazione della crescita, e il Abwrackprämie, piano di rottamazione per sostenere l’industria automobilistica tedesca.
    Se non ne hai ancora abbastanza, ecco uno scioglilingua molto noto:
    – Fischers Fritze fischte frische Fische.

 

  • Conosci qualche barzelletta?
    I tedeschi stanno ancora lavorando al padroneggiare le sottigliezze dell’ironia, tuttavia, come gli altri paesi, anche a loro piace fare battute su persone anziane, bionde e politici. Inoltre hanno una particolare predilezione per le battute sui dipendenti pubblici.-“Warum dürfen Pausen in Ämtern nie länger als 60 Minuten dauern?”
    “Damit man die Beamten nicht jedes Mal neu anlernen muss.”-“Perché i dipendenti pubblici non possono prendersi pause di un’ora?”
    “Perché non c’è abbastanza tempo per formarli di nuovo.”-“Was ist das ideale Geschenk für’s Beamtenbüro?”
    “Ein Bewegungsmelder!”

    -“Qual è il regalo ideale per l’ufficio di un dipendente pubblico?”
    “Un rilevatore di movimento.”
  • Imparare il tedesco facilita l’apprendimento di altre lingue?
    Le lingue più vicine al tedesco sono l’olandese e, che tu ci creda o meno, l’inglese. Il tedesco si colloca tra il ceppo Germanico d’Occidente e il ceppo Indo-europeo, assieme all’inglese, l’olandese, il fiammingo, l’afrikaans e altre lingue. Ci sono alcune somiglianze circa la grammatica, la sintassi e i vocaboli con il norvegese, lo svedese, il danese e l’islandese che, assieme al faroese, fa parte delle lingue nord germaniche. Se ti interessano le lingue del ceppo germanico d’Oriente, puoi provare il gotico o il vandalico, anche se sono estinte da anni.
  • Cosa non dire e non fare.
     Wie geht’s? Come stai? Quando poni questa domanda, aspettati una risposta diretta e onesta, con molte più informazioni personali di quante ti saresti aspettato. I tedeschi, generalmente, non si fanno problemi a parlare apertamente dei loro problemi. Attenzione ai falsi amici! Ci sono parole inglesi che potrebbero trarvi in inganno quando studiate il tedesco. Se ti augurano un Gute Fahrt, significa semplicemente buon viaggio. Bald, non ha nulla a che fare con una persona pelata, significa presto!
  • Citazioni famose per far colpo sui locali.
    Il tedesco è conosciuto per essere la lingua dei Dichter und Denker, scrittori e pensatori. Uno dei più celebri è sicuramente Johann Wolfgang von Goethe (1749-1832). Il suo Faust I (1808) è considerato la sua opera più importante e tesoro nazionale, così come fonte di molte citazioni comunemente utilizzate.
  • Prime pubblicazioni.
    Il libro più antico scritto in tedesco è probabilmente Abrogans, un dizionario manoscritto di traduzioni dal latino all’Antico Tedesco. Ne è rimasta solo una copia nella libreria di St. Gallen in Svizzera. Uno dei più antichi lavori letterari è l’Hildebrandslied, la canzone di Hildebrand. Risale al 9° secolo e racconta di una battaglia tra un figlio e un padre non riconosciuto (Hildebrand).
  • Come essere gentili.
    Il tedesco è una di quelle lingue che ricorre alla forma di cortesia. Si utilizza il Sie con le persone che non si conoscono e il du con i familiari. Nel business, rivolgiti agli uomini con Herr o Mr, e cognome. Per la donne, usa Frau o Ms, e cognome. Una stretta di mano ferma è un gesto tradizionale per salutare in modo formale. In contesti più rilassati un Hallo seguito da baci sulle guance può andare bene. Attenzione che tra uomini si preferisce una pacca sulla spalla.

Continua a leggerci! Se ti sei perso il nostro articolo Francese for Dummies, lo puoi trovare qui.

 

Ti ho convinto? Cerca il corso di tedesco più adatto a te!

 

 

Oggi ti propongo una piccola guida dedicata alla lingua francese. Personalmente, il francese è la lingua che preferisco, adoro i suoi suoni, la musicalità delle parole. E poi, lo sanno tutti che è la lingua dell’amore (e della cucina).

 

Ecco 10 fatti curiosi sul francese che dovresti conoscerti prima di cimentarti nello studio.
  • Dov’è parlato?
    È a lingua ufficiale parlata in Francia. Tuttavia il francese si parla anche a Monaco, in Lussemburgo, in alcune zone del Belgio e della Svizzera, nella provincia canadese del Quebec. Non solo, si parla francese anche in Africa settentrionale e centrale, Vietnam, Cambogia, Madagascar e nella Francia d’oltremare. Capita anche di sentir parlare francese anche in alcune comunità di origine francese negli USA, come Maine e Louisiana.
  • Che cosa sai in francese?
    Ci sono molte parole provenienti dal francese che usi abitualmente, per cui, di fatto, conosci parole di ciò che pensi. Hai avuto un déjà vu recentemente? O magari un calice di vino ti sembrava avere un certo je ne sais quoi? In un restaurant o un café, spesso e volentieri trovi pâté o omelette nel menu, così come soufflé o mousse al cioccolato come dessert. Ti senti avvampare? Sorseggia un po’ di champagne. Eh, c’est la vie, no?
  • È difficile impararlo?
    La grammatica francese è simile a quella italiana e spagnola. Se deciderai di studiare questa meravigliosa lingua, dovrai imparare i generi dei nomi, la coniugazione dei verbi e la pronuncia nasale di alcuni fonemi. Alcune vocali hanno accenti che ne cambiano il suono e alcuni verbi comuni sono irregolari. Per esempio: être – essere; avoir – avere; aller – andare; venir – venire.
    Gli avverbi che in italiano finiscono in -mente, di solito finiscono in -ement in francese. Per esempio: rapidement – rapidamente; exactement – esattamente; correctement – correttamente.
  • I suoni e gli scioglilingua  più difficili.
    I francesi potrebbero dirti che la parola più lingua è anticonstitutionnellement. Un lungo avverbio che significa “in un modo veramente anticostituzionale”. Contiene ben 25 lettere, ma è raramente utilizzato.
    Tenta la sorte con alcuni degli scioglilingua più difficili!Pratica i suoni “s” e “ch”:
    – Les chaussettes de l’archiduchesse sont-elles sèches, archi-sèches?
    – Un chasseur sachant chasser sait chasser sans son chien de chasse.
    – Si six scies scient six cyprès, six cents scies scient six cent cyprès.

 

  • Conosci qualche barzelletta?
    Parodie, umorismo e giochi di parole sono molto popolari in Francia e spesso i quotidiani pubblicano vignette comiche o di satira.
    Ecco un paio di barzellette francesi:
    – Au restaurant, le garçon demande au client :
    « Comment avez-vous trouvé le bifteck ? »
    « Tout à fait par hasard, en soulevant une frite ! »-Al ristorante, il cameriere chiede al cliente:
    “Come ha ‘trovato’ la bistecca?”
    “Per caso, quando ho preso una patatina fritta!”-Deux asticots se retrouvent dans une pomme :
    « Tiens ! Je ne savais pas que vous habitiez dans le quartier ! »-Due larve si incontrano in una mela:
    “Ciao! Non sapevo che vivesse nella stessa area/fetta” (si gioca sul duplice significato di quartier = area e fetta).
  • Imparare il francese facilita l’apprendimento di altre lingue?
    Il francese è una lingua romanza, di origine latina. Queste lingue condividono una struttura grammaticale simile e spesso i vocaboli si assomigliano. Se studierai il francese, sarai avvantaggiato nell’apprendimento di lingue come lo spagnolo, il portoghese, l’italiano o il catalano.
  • Cosa non dire e non fare.
    Ti sarà già capitato di trovarti in situazioni imbarazzanti o divertenti circa le lingue straniere. Se vuoi ringraziare qualcuno, puoi dire merci beaucoup. Attenzione però! Devi pronunciare “ou” come “u” altrimenti finirai col fare i complimenti a qualcuno per il suo fondoschiena… Attenzione anche ai falsi amici, per questo vi rimando a questo elenco.
  • Citazioni famose per far colpo sui locali.
    Je pense donc je suisRené Descartes (1596-1650). Il famoso filosofo e matematico che metteva in dubbio la verità su tutto, arrivando così alla sua celebre conclusione.
    Rien ne sert de courir, il faut partir à pointJean de La Fontaine (1621-1695). Famoso per le sue fiabe, spesso e volentieri si ricorre alle morali di La Fontaine nelle conversazioni quotidiane.
  • Prime testimonianze scritte.
    Les Serments de Strasbourg, scritti nel 842. Si tratta di un patto siglato tra Carlo II il Calvo e Ludovico II il Germanico per giurarsi fedeltà reciproca, e per promettere che nessuno di loro avrebbe stretto patti di alleanza con Lotario I. Il francese moderno si è affermato attorno al 17 secolo con scrittori come Malherbe, Descartes, Corneille, Pascal, Racine e Molière. L’Académie française, che stabilisce le basi della lingua, è stata fondata nel 1635 dal Cardinale Richelieu.
  • Come essere gentili.
    Come per le altre lingue romanze, ci sono diversi modi per dire rivolgersi alle persone. Tu si usa con persone che si conoscono, amici. Vous si usa in tutti gli altri casi. Solitamente quando ci si saluta, si porge la mano. In situazioni informali, le donne che incontrano uomini o altre donne si scambiano baci sulle guance (anche se in realtà ci si sfiora solo la guancia). Il numero di baci varia da regione a regione e può arrivare fino a quattro!

 

Ti ho convinto? Cerca il corso di francese più adatto a te!

 

 

Sei un fanatico di notizie, sempre al passo con ciò che accade nel mondo? Vuoi conoscere gli ultimi trend di moda o di tecnologia? Leggi i titoli dei principali articoli mentre vai al lavoro? Le notizie hanno una certa importanza nella tua vita? E se tu avessi la possibilità di restare aggiornato e contemporaneamente di imparare l’inglese leggendo i giornali?

 

Le ultime notizie, le inchieste e gli editoriali sono materiali preziosissimi per imparare l’inglese. Queste risorse sono perfette sia per chi si approccia per la prima volta alla lettura, sia per chi vuole lavorare sulla fluenzaHo già parlato dell’importanza della lettura per migliorare l’inglese nel precedente articolo che puoi trovare qui. Oggi vorrei presentarti 7 risorse che potranno esserti d’aiuto. Imparare l’inglese leggendo i quotidiani online è molto conveniente perché è possibile accedere a molti articoli, ascoltare podcast e guardare telegiornali. Puoi fare tutto questo quando vuoi e dove vuoi e ti serve solo una connessione a Internet.

Leggere o ascoltare le notizie del giorno ti aiuta a stare al passo con il resto del mondo in inglese. In questo modo il tuo bagaglio di vocaboli si arricchirà con i termini della politica, dell’economia e della finanza. Molti editori ed emittenti televisive hanno scelto il web per attingere a un bacino di utenti più ampio. Alcuni chiedono all’utente di abbonarsi per accedere a contenuti premium ed esclusive, ma la maggior parte pubblica contenuti gratuiti.

 

Di seguito troverai 7 risorse per imparare l’inglese leggendo i quotidiani online:

  • E-News. Sito interamente dedicato a coloro che vogliono imparare l’inglese. E-News pubblica settimanalmente dei report per lettori di livello avanzato, intermedio e base. Tutti gli articoli sono redatti in tre versioni diverse con vocaboli e strutture adeguate al livello scelto dall’utente. Ogni articolo è corredato da file audio adatti all’utente e da un glossario. Ti consiglio di non incasellarti in un livello, esplora tutte le versioni di un articolo per imparare sinonimi e familiarizzare con strutture nuove.
  • The Times in Plain English. Sito che ha l’obiettivo di scrivere in modo comprensibile per i lettori del mondo. Ogni giorno, articoli presi dai più noti quotidiani sono riscritti in modo più conciso e semplice per facilitarne la comprensione da parte degli utenti. Questo significa che anche chi si approccia alla lettura può godere della sua dose quotidiana di notizie senza dover ricorrere al dizionario.
  • FluentU. Con questo sito potrai spaziare tra centinaia di video e telegiornali creati per l’apprendimento linguistico. Ogni video è interattivo e comprende sottotitoli con la traduzione e la definizione nel contesto. Inoltre ci sono anche dei test finali per fissare meglio i vocaboli e le strutture apprese. Lo consiglio per chi vuole curare sia l’ascolto sia la lettura

 

  • The New York Times’ Time Minute. Si tratta di un canale che raccoglie video di circa due minuti accompagnati dal relativo articolo. Anche in questo caso, il sito è utile per allenare l’ascolto e la lettura. 
  • theSkimm. In questo caso ti propongo una newsletter. theSkimm è diventata popolare grazie alle notizie brevi e concise che ti arriveranno ogni mattina tramite mail. La peculiarità di questa newsletter è l’umorismo. Probabilmente all’inizio farai fatica a capire tutte le battute, ma ti assicuro che col tempo sarà una passeggiata.
  • The New York Time’s Modern Love. Modern Love è una colonna  molto conosciuta del The New York Times. Le sue storie d’amore, perdita e redenzione ti faranno perdere in un turbinio di emozioni. Si possono trovare anche dei podcast per esercitare contemporaneamente anche l’ascolto. 
  • The Guardian. Il quotidiano offre numerose notizie sui temi più vari: politica, cultura, business, stile di vita, viaggi e molto altro. Sono disponibili anche report e articoli di livello medio-alto e avanzato.

 

Imparare l’inglese leggendo i quotidiani può essere facile e divertente. Ci sono tantissimi contenuti diversi adatti all’utente e al livello. Che tu voglia curare la lettura, l’ascolto o il parlato, queste risorse ti aiuteranno a migliorare il tuo inglese.

Mettiti alla prova con il nostro test d’inglese!

 

Lo studio delle lingue straniere va praticato ogni giorno in ogni suo aspetto. Leggere in lingua straniera è fondamentale, di seguito 5 risorse per migliorare la padronanza della lingua.

 

Lo studio di una lingua straniera non è assimilabile allo studio di altre materie. Conoscere una lingua significa praticarla almeno un po’ ogni giorno, senza trascurare nessun aspetto. Non serve a nulla vantarsi per aver frequentato un corso di inglese o per aver ottenuto una certificazione se, una volta raggiunto l’obiettivo, si abbandona lo studio. Le lingue sono materiale vivo, in continua evoluzione, alcuni termini nascono e entrano nel vocabolario, altri scompaiono e vengono dimenticati. Per questo motivo è importante leggere in lingua.

Praticare l’inglese, come ti ho già spiegato nei precedenti articoli, non è affatto difficile. Abbiamo già parlato di alcune risorse gratuite online come applicazioni o podcast o di metodi alternativi ed efficaci per migliorare il vostro livello. Oggi però vorrei dedicarmi alla reading, la lettura, della lingua.

 

Che cosa leggere?

  • Classici. Scegli un libro di narrativa semplice, meglio se per ragazzi. Reperire questo tipo di libri è molto più facile di quello che sembra: ormai ogni libreria ha una sezione dedicata ai libri in lingua madre. In alternativa le biblioteche più fornite solitamente offrono un vasto assortimento di letture di questo tipo.
  • Uso didattico. Se non sei un amante dei classici, ti consiglio i libri pensati per la scuola. Molte case editrici, in vista dell’estate, pubblicano versioni alleggerite dei grandi classici per le scuole. Si tratta di letture adattate ai diversi livelli, dall’A1 al C1, e ci sono reading per tutti i gusti. Essendo pensati per le scuole, questi libri hanno anche degli esercizi per testare la comprensione del testo.
  • Audiolibri. Quante volte ti è capitato di inciampare in termini di cui non conosci la pronuncia e di tentare a caso? Per evitare questi inconvenienti, ti consiglio delle letture con il CD in allegato. In questo modo potrai fare esercizio in modo più efficace: puoi ascoltare il libro, ascoltare e leggere contemporaneamente oppure leggere il testo senza il supporto audio.

 

  • Blog. Hai qualche passione, sport, hobby in particolare? Su internet potrai trovare blog e forum che fanno al caso tuo. In questo modo potrai essere sempre aggiornato sulle ultime novità e imparare a parlare degli argomenti di tuo interesse.
  • Giornali. Qual è il modo migliore per iniziare la giornata? Leggere il giornale, sì ma in inglese! Se ami restare aggiornato su ciò che accade nel mondo, il giornale è la lettura più adatta a te. È possibile abbonarsi alle testate estere sia digitali sia cartacee e, nella maggior parte dei casi, si trovano anche articoli da leggere gratuitamente.

Personalmente ho sempre trovato utili i libri dell’editore Blackcat. Qui è possibile selezionare la lingua e il livello di lettura, in seguito si può scegliere il libro.

 

Mettiti alla prova con il nostro test d’inglese online, è gratuito e il risultato è immediato!

 

 

Imparare una lingua non comporta solo lo studio delle regole grammaticali. Per padroneggiarla veramente è necessario allenarsi anche con la scrittura, il parlare e l’ascolto. Nel seguente articolo spiegherò l’utilità dei podcast per raggiungere un buon livello di comprensione dell’inglese.

Molte volte, quando tengo dei corsi, i miei allievi mi chiedono come migliorare l’ascolto dell’inglese perché si rendono conto di non riuscire a capire niente di niente. Purtroppo si tende a trascurare l’aspetto di listening perché non si hanno i mezzi o non si conoscono le risorse che si possono trovare gratuitamente e comodamente online.
C’è anche da dire che quando si parla di ascolto si assiste al fuggi fuggi generale perché lo si ritiene un’attività noiosa, difficile e inutile. Ora magari sono tornati in mente quegli odiosissimi esercizi che l’insegnante di inglese ti propinava a scuola e hai già la nausea. Vorrei dimostrarti però che ci sono altri modi, per nulla noiosi, per allenare e migliorare il listening.
Sicuramente più alto è il tuo livello, più aumenta il ventaglio di attività da praticare e il materiale da ascoltare. Personalmente, ho sempre trovato nei podcast uno strumento prezioso e utile a migliorare il livello di comprensione orale di una lingua.

Cos’è un podcast?
I podcast sono semplici registrazioni video o audio. Ti sarà capitato di cercare su Internet un programma radiofonico già andato in onda e di averlo trovato comunque, ecco quello era un podcast. I podcast audio sono delle registrazioni fatte ad hoc per essere condivise in rete, le tematiche affrontate possono essere le più disparate a seconda del livello di conoscenza della lingua. Si possono trovare registrazioni in lingua per chi ha un livello base o registrazioni più strutturate e complesse per chi ha un livello avanzato.

 

Perché sono utili per imparare una lingua?

  1. Pratici. Essendo degli audio, i podcast possono essere scaricati e trasferiti sullo smartphone, su un lettore mp3 o su un pc in modo da avervi accesso in qualsiasi momento.
  2. Pausa. Quante volte ti è capitato di non capire qualcosa e di non poterlo riascoltare o mettere in pausa? I podcast sono file audio, per questo motivo potrai riascoltarli e metterli in pausa, cosa che si rivela utile soprattutto all’inizio.
  3. Pronuncia curata. Generalmente i podcast creati per migliorare l’ascolto dell’inglese sono registrati da native speaker, madrelingua, dalla pronuncia impeccabile, chiara e diretta. A differenza della musica o dei film in cui si può inciampare in accenti non familiari o costruzioni particolari, i podcast sono più lineari.
  4. Puro divertimento. Non c’è spazio per la noia. I file audio creati per favorire l’ascolto dell’inglese sono vari e offrono sempre contenuti nuovi e interessanti per aumentare il tuo lessico e i possibili argomenti su cui sarai in grado di conversare.

 

Di seguito troverai un elenco di siti in cui si trovano dei podcast per tutti i gusti:

 

Ora che sai come curare il listening, affidati a noi per il resto, scegli il corso più adatto a te!

 

 

Studiare le lingue gratis, dedicandoci solo un pizzico del tuo tempo ogni giorno è possibile e facile. Non mi credete?

 

Intraprendere lo studio di una lingua straniera da adulto può sembrare una grossa scocciatura oltre che uno spreco di fatica. Quante volte hai usato la scusa del non avere tempo, non disporre degli strumenti necessari e dell’impossibilità di immergerti totalmente nella cultura per parlare fluentemente? Sii onesto, tante. Nel seguente articolo ti spiegherò come studiare le lingue gratis spendendo solo qualche minuto del tuo tempo ogni giorno. A peggiorare la situazione ci si mette anche un report pubblicato nel quotidiano inglese online Cognition, che rigira il coltello nella piaga sostenendo che se intraprendi lo studio di una lingua straniera dopo l’età di 10 anni non riuscirai mai a parlare come un madrelingua. Ora, se hai letto i precedenti articoli, mi starai maledicendo. Tranquillo, sono portatrice di buone novelle, in questo articolo ti racconterò la mia esperienza e ti dimostrerò che è possibile, e facile, apprendere le lingue gratis dedicandoci solo 5 minuti al giorno.

 

Sono sempre stata appassionata di lingue e dopo una laurea in Interpretariato  ho deciso di riprendere lo studio del tedesco e dello spagnolo. Dal momento studio e lavoro, non mi resta molto tempo per un corso di lingua e nemmeno molti soldi. Oggi il modo più veloce e forse anche più comodo per imparare le lingue gratis è ricorrere ad applicazioni apposite ed è per questo che mi sono affidata a Duolingo dedicandoci 20 minuti al giorno per circa 6 mesi. C’è da dire che non è possibile interagire con altre persone, fare domande o chiedere spiegazioni come in un corso di lingua normale, ma per chi ha poco tempo a disposizione e orari flessibili è una manna dal cielo.

L’app si regge sul principio secondo puoi apprendere una lingua se ti impegni frequentemente e per un periodo di tempo adeguato. Piuttosto che partecipare controvoglia a lezioni di un’ora o due ore a settimana con scarsi risultati, trascorri un po’ di tempo ogni giorno studiando le lingue gratis con Duolingo!

 

Dopo aver eseguito il login, Duolingo ti chiederà di stabilire il tuo obiettivo: 5, 10, 20, 30 o 50 minuti di lezione al giorno. Ogni volta che raggiungerai il tuo obiettivo sarai premiato, se invece non lo raggiungi, dovrai ricominciare da zero. Ogni giorno mentre faccio colazione, completo una lezione di tedesco mentre in pausa pranzo mi dedico allo spagnolo, niente di più e niente di meno: 20 minuti del mio tempo e il gioco è fatto. L’app alterna diversi esercizi per cui a volte imparerai qualcosa di nuovo e a volte ripasserai qualcosa che hai già studiato. Si avanza a piccoli passi senza mai trascurare ciò che è già stato appreso.
Le lezioni sono piuttosto interattive e gli esercizi sono vari per rendere lo studio divertente e accattivante. Tramite notifiche push, Duolingo ti ricorda di studiare tutti i giorni trasformando un mero esercizio in una buona abitudine.

Veniamo alla domanda cruciale: quanto si impara? Secondo Duolingo, ho accumulato 50 “corone” in tedesco e 60 in spagnolo. Non dico di essere in grado di comprendere perfettamente film o serie tv in lingua ma il mio livello è decisamente migliorato e sono in grado di sostenere una conversazione in entrambe le lingue. Considerando che ho iniziato lo spagnolo da zero posso dire di essere soddisfatta.

Forse gli esperti hanno ragione, non si potrà mai raggiungere il livello di un vero madrelingua, ma in fondo provarci anche solo per 5 minuti al giorno non costa nulla.

 

Mettiti alla prova con il nostro test d’inglese, è gratuito e il risultato è immediato!

 

 

Lo studio delle lingue straniere può apportare numerosi benefici psicologici oltre che vantaggi per la carriera professionale.

 

Nel precedente articolo ho spiegato alcuni benefici psicologici dello studio delle lingue. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un proliferare di studi che dimostrano come effettivamente l’apprendimento di una lingua straniera può giovare alla salute in diversi modi. Alcuni dei motivi, di cui parlo nello specifico qui, sono: l’aumento del volume cerebrale, la prevenzione della demenza, l’allenamento e l’affinamento della memoria.

Di seguito elencherò altri motivi per cui le lingue apportano veri benefici psicologici.

  • Migliora le capacità matematiche. Sembrerà strano, non ci credevo nemmeno io, ma secondo due studi (uno del 2007 e uno del 1997), gli studenti bilingue ottengono migliori risultati nelle materie scientifiche rispetto a coloro che non studiano lingue straniere. La spiegazione di questo arcano è semplice: studiare le basi di una nuova lingua va di pari passo con lo sviluppo del pensiero logico e strutturale e di tecniche di memorizzazione. Queste ultime sono fondamentali nelle materie scientifiche.
  • Aumenta l’attenzione e il multi-tasking. Secondo uno studio della York University, i poliglotti hanno un livello di attenzione più elevato e sono in grado di limitare ed eliminare qualsiasi distrazione. Allo stesso modo le persone che parlano due o più lingue riescono a passare da un’attività a un’altra senza alcuna difficoltà, sono più flessibili e in grado di adattarsi a situazioni anche inaspettate.

 

  • L’autostima vola. Quando studi una lingua e cominci a ottenere dei risultati concreti, il tuo livello di autostima aumenta, indipendentemente da quanti passi avanti hai fatto. Essere in grado di sostenere una conversazione di soli 30 secondi con un madrelingua può farti sentire più sicuro di te perché sai che prima non saresti riuscito a farlo. Il segreto del successo è pensare positivo e ripetersi: “Yes, I can!”.
  • Affina l’orecchio. Essere bilingue o poliglotta aiuta a migliorare le capacità di ascolto: il cervello è costretto a sforzarsi per distinguere e comprendere suoni diversi dalla propria lingua madre. All’inizio sarà difficile, ma quando il cervello sarà allenato, riuscirai a capire tutto senza problemi.
  • Aiuta a prendere decisioni migliori. Imparare una lingua straniera favorisce il processo decisionale. I bilingue sono più abili a ponderare le decisioni perché hanno più fiducia in loro stessi e ragionano in entrambe le lingue prima di decidere definitivamente. L’apprendimento delle lingue straniere porta benefici psicologici alla salute perché ti rende più aperto e disposto a correre rischi.
  • Spazio alla creatività. Quando ti ritrovi a dover parlare in una lingua diversa dalla tua, spesso e volentieri sei costretto a pensare a parole, strutture ed espressioni che non ti sono familiari. È necessario mettere insieme termini che compongono una frase che possa essere facilmente capita e non sempre è facile. Questo processo sviluppa la capacità di pensare in modo divergente e ti allena a cercare molteplici soluzioni in un tempo limitato. Per questo motivo i poliglotti tendono a essere più reattivi e creativi rispetto ai monolingue.

 

Sei convinto dei benefici psicologici delle lingue? Che cosa aspetti per provarli su di te, scopri i nostri corsi!

 

 

Intraprendere lo studio delle lingue straniere è una delle attività più utili per la salute e per il lavoro. In passato si credeva che lo studio di una lingua straniera potesse creare scompiglio e confusione, per questo motivo si preferiva acquisire piena padronanza di una sola lingua, ora invece gli scienziati riconoscono i numerosi benefici delle lingue

 

Alcuni studiosi affermavano che l’apprendimento delle lingue fosse la causa di schizofrenia o di bipolarismo. Erano diversi gli studi che fomentavano l’idea che lo studio di due lingue fosse problematico, anche perché le persone bilingue prese in esame possedevano un vocabolario ristretto e limitato. Questi miti sono stati largamente smentiti da studi ed esperimenti scientifici che dimostrano i numerosi benefici per la salute.

Studiare le lingue giova alla salute, perché…

  • Favorisce la crescita cerebrale. Una lingua straniera è un groviglio di regole, strutture e lessico. Studiare le lingue comporta uno sforzo cerebrale. Il cervello deve gestire una lingua diversa e sviluppa delle abilità come il pensiero cognitivo e la capacità di risolvere i problemi. Le aree del cervello dedicate al linguaggio e alla memoria aumentano di volume e si sviluppano con l’apprendimento.

 

  • Ritarda la demenza. Uno studio condotto su un campione di circa settecento persone ha evidenziato che i bilingue ritardano e prevengono di almeno cinque anni l’insorgere di malattie come l’Alzheimer. È sorprendente come l’imparare una seconda lingua apporti maggiori benefici sulla salute rispetto ai farmaci.
  • È un toccasana per la memoria. Il cervello funziona al meglio solo se lo usi bene. L’apprendimento di una nuova lingua implica una certa familiarità con il lessico e le regole grammaticali e lo sforzo per ricordarle e applicarle. Le lingue straniere allenano la mente nella palestra del cervello. Questo è uno dei motivi per cui chi parla molte lingue è più portato a ricordare nomi, direzioni, informazioni e dati.
  • Affina la memoria. Uno studio pubblicato dall’Università spagnola di Pompeu Fabra ha dimostrato che i bilingue riescono meglio a percepire e ricordare anche dettagli apparentemente irrilevanti o ingannevoli. Non dovrebbe sorprenderti poiché i celebri detective Sherlock Holmes e Hercule Poirot erano anche bravi linguisti.

 

Seguici e aspetta la seconda parte dell’articolo per scoprire di più sui benefici delle lingue sulla salute!

 

 

Oggi se non sfoderi la carta dell’inglese nel tuo curriculum hai già perso in partenza. Per riuscire a emergere dalla masse ed essere competitivi, e non mi stancherò mai di ripeterlo, è necessario un buon livello di inglese scritto e parlato. Dall’inglese non si scappa, insomma. Soprattutto se parliamo di inglese per il lavoro.

 

Ma perché è così importante l’inglese per il lavoro?

  • È la lingua del mondo del lavoro, degli affari, del commercio, della scienza e della tecnologia. Potrei definirla una “lingua comune” adottata per comunicare potenzialmente con il mondo intero. Riflettici, molti termini utilizzati correntemente nel mondo del lavoro e del commercio sono inglesi e nessuno si prende più la briga di tradurli in italiano perché il loro equivalente o non esiste o non è così conosciuto e ricorrente (pensa a parole come marketing, business, export, import…). Allo stesso modo, gli articoli e i report sulle nuove scoperte scientifiche o innovazioni tecnologiche sono scritti e pubblicati in inglese per raggiungere un pubblico potenziale molto vasto.
  • È la lingua più diffusa e utilizzata sul web. L’inglese è la chiave della conoscenza: la maggior parte dei dati presenti su Internet è in inglese. Hai mai provato a cercare un’informazione sul web prima in italiano, o nella tua lingua madre, e poi in inglese? Se sì, hai di certo notato che nel secondo caso i risultati erano maggiori, più approfonditi e dettagliati. Nel mondo del lavoro è fondamentale essere sempre aggiornati e conoscere le tendenze del proprio settore. Se sei costretto ad aspettare che i contenuti siano disponibili nella tua lingua madre la concorrenza avrà vita facile.

 

  • È la lingua da conoscere per avere una carriera di successo. ABA English, una scuola di inglese online, ha recentemente pubblicato i risultati di un sondaggio somministrato a un campione di 3 milioni di persone di diverse nazionalità. Il 54% dei partecipanti ha dichiarato di aver intrapreso lo studio dell’inglese per motivi professionali (promozione o cambio di lavoro) mentre il 24% degli intervistati ha ammesso di non aver trovato lavoro a causa di una scarsa conoscenza della lingua. Lo so, sembra un dato irrisorio, ma è destinato ad aumentare vertiginosamente visto il tentativo di internazionalizzazione delle aziende (anche italiane), la volontà sempre più forte di puntare all’estero e la grande richiesta del made in Italy nel mondo.
  • Evita spiacevoli malintesi. Parlare l’inglese fluentemente e scrivere correttamente aiuta a non commettere errori che possono compromettere la reputazione dell’azienda. Quando parli o scrivi in lingua, la possibilità di incomprensione è più alta e le conseguenze possono essere disastrose. Una perfetta, o quasi, conoscenza e padronanza della lingua è fondamentale capire e farsi capire.

 

Che cosa stai aspettando? Cerca il corso più adatto a te, non esitare a contattarci!

 

 

E se ti dicessi che è possibile imparare l’inglese senza studiare? Sì, hai letto bene, è possibile imparare le lingue in modo alternativo.
So che non mi credi perché il sistema scolastico italiano ha sempre denigrato l’insegnamento e, di conseguenza, i corsi di inglese per te sono sempre stati una piaga. Peccato però che oggi se non conosci l’inglese sei fuori dal mondo. In questo scenario da “The Day After” ti darò una buona notizia: puoi imparare l’inglese divertendoti!

 

Segui i miei consigli per ottenere dei risultati.

1. Dimmi qual è la tua passione. Cos’è che riusciresti a fare per ore senza mai stancarti o senza la quale non potresti vivere? Questa è la chiave per divertirti con l’inglese. Cerca blog, articoli e siti che parlino della tua passione e scommetto che non ti annoierai leggendoli, anzi, troverai molti più contenuti interessanti. Non ci capisci nulla? Nessun problema: è normale all’inizio perché dovrai costruirti un vocabolario di base, ma vedrai che già dopo qualche giorno riuscirai sicuramente a capire tutto.

2. Post-it! No, non vi sto suggerendo di darvi alla pazza gioia sui social, ma di tappezzare la casa di post-it colorati con il nome degli oggetti in inglese (ovviamente funziona anche con le altre lingue). Puoi attaccare i foglietti ovunque: sul frigo, dove scriverai fridge; sul forno, dove scriverai oven, e così via.

 

3. Torna bambino. Il modo più facile per apprendere una lingua straniera è guardare i cartoni animati in lingua originale. No, non sto scherzando. Pensateci, il linguaggio usato nei cartoni animati è a prova di bambino quindi semplice, corretto, comprensibile e divertente. Provaci se non mi credi!

4. Fatti aiutare dalla tecnologia. Cambia la lingua del tuo cellulare e anche del motore di ricerca, memorizzerai molti vocaboli ed espressioni tra le più usate nel linguaggio di tutti i giorni. Quando leggi qualcosa che non capisci, non esitare a cercarne il significato affidandoti a un dizionario monolingue o bilingue online o alle app di alcuni dizionari.

5. Never give up, non arrenderti mai. Imparare controvoglia non solo è controproducente ma ti farà allontanare ancora di più dall’inglese. Quindi, keep calm, make mistakes and carry on!

 

Mettiti alla prova con il nostro test d’inglese online, è gratuito e il risultato è immediato!